mercoledì 23 luglio 2008

Avevamo ragione nel 1998 o nel 2006?

Non so se lo si può far rientrare nella lotta allo stalinismo, poco importa. Penso sia giusto, magari non sempre subito e nell'immediato, riconoscere che nella storia di un partito, il proprio, la linea non è sempre giusta, adatta e adattata nel modo più intelligente ed opportuno al mutamento della situazione. Succede che la situazione sia la stessa di prima e la linea del partito faccia una bella capriola. Prodi era sempre Prodi, D'Alema sempre D'Alema, Veltroni sempre Veltroni, Fassino sempre Fassino, Rutelli sempre Rutelli, la Confindustria e i poteri forti, sempre quelli, anche gli Usa erano sempre gli stessi, anzi Bush era peggio di Clinton. Ciampi invece non c'era più, c'era Padoa Schioppa, ma il liberismo temperato era sempre quello, come la politica dei due tempi: prima il risanamento poi il risanamento. E allora, bisogna ammetterlo. O abbiamo sbagliato nel 1998 o abbiamo sbagliato nel 2006.


Nessun commento:

Posta un commento