giovedì 10 luglio 2008

Il PD seduto sulla riva del fiume

Il presidente del consiglio imputato per corruzione in atti giudiziari, ottiene dalla sua maggioranza l'approvazione di una legge che stabilisce l'immunità per le più alte cariche dello stato. Oltre a lui, il Presidente della Repubblica, il Presidente della Camera, il Presidente del Senato. In tal modo, spiega D'Alema si coinvolgono le più alte cariche dello stato, per dare l'impressione di una norma di interesse generale, mentre invece si tratta solo di mettere al riparo il premier dal rischio di essere condannato. Contestualmente lo stesso premier era pronto a bloccare centomila processi, pur di bloccare il suo. E' stato intercettato nelle conversazioni telefoniche con un funzionario Rai, Saccà, a cui prometteva sostegno nella sua attività imprenditoriale in cambio della sistemazione di alcune sue amiche e amiche o mogli di senatori il cui voto era necessario per far cadere il governo Prodi. Dunque, provvedimento contro le intercettazioni, gli editori e i giornali che le pubblicano. Insomma, il proseguimento ad oltranza delle leggi ad personam. Con che coraggio, ma soprattutto con quale consenso.

Nella sua maggioranza sembra non scricchiolare nulla e il Partito democratico rinuncia a condurre una effettiva opposizione: è convinto, forse non a torto, che su questo terreno il premier sia imbattibile, poichè alla maggioranza degli italiani, non interessa se il capo del governo si fa le leggi per risolvere i propri affari privati, o se è contraria, non lo è in modo determinante. Altri sono i problemi su cui mobilitare l'opinione pubblica. Ma quali altri, se sulle questioni di fondo dell'economia, della politica sociale, della politica estera, in fondo, tra PD e PDL le differenze sono molto tenui. Forse, probabile, la crisi economica farà il suo corso, anche a danno dei consensi del governo. Allora non resta che sedersi in riva al fiume e aspettare che ne passi il cadavere. Sembra questa, di fatto, la strategia di oppozione di Veltroni. C'è solo da sperare che quel cadavere che passerà, sia solo del governo.

Nessun commento:

Posta un commento