mercoledì 12 novembre 2008

Obama "abbronzato" e le gaffe di Berlusconi

Carla BruniLa destra italiana ha salutato la vittoria di Obama alle presidenziali Usa 2008, nel modo più goffo possibile. Prima Maurizio Gasparri, presidente dei senatori del PDL, dichiara che «Ora Al Qaeda è più contenta», per meritarsi i manifesti del PD, che lui stesso all’uscita da Palazzo Madama ha provveduto a strappare con le sue mani. Poi, interviene da Mosca il premier Berlusconi e conquista definitivamente la scena, definendo Obama «giovane, bello e abbronzato», battuta ripresa da tutti i media del mondo, che provoca la vergogna degli italiani all’estero e su Internet., compreso questo video che ci mostra quanto Obama consideri Berlusconi (discorso al Congresso Usa, 2006). Tra le prese di posizione dei nostri connazionali espatriati, si distingue quella di Carla Bruni, «felice di aver acquisito la cittadinanza francese», senza essere in alcun modo “corretta” dal marito, evidentemente concorde. Quale significato dare a queste battute: un afroamericano alla presidenza degli Stati Uniti è arrivato in anticipo sui tempi, o i nostri inconsapevoli razzisti si attardano a cedere il passo ad un necessario ricambio culturale e generazionale? La destra del nostro paese, in questi anni e di recente, ha offerto un vasto campionario di battute e di gaffe, che esprimono, non solo mancanza di bon ton, ma soprattutto la presenza di una subcultura, di una mentalità di tipo fascistoide, che di volta in volta pretende di rimettere al loro posto, i neri, i gay, le donne, gli immigrati, gli oppositori, i contropoteri, insomma un po’ tutto ciò che appartiene alla democrazia e alla diversità. Il primato spetta di certo al presidente del consiglio. Andando a memoria e ricercando su Google, ecco le sue chicche più famose, quelle per cui di volta in volta è stato frainteso, non l’ha detto, stava solo scherzando.

Il premier al capogruppo Spd: “Stanno preparando un film sui campi di concentramento, la proporrò per il ruolo di kapò”. Il duello verbale Schulz-Berlusconi. Il tedesco: “Difficile accettare che un Presidente del consiglio risponda con questi toni durante un dibattito”. (02.07.2003)
Singolare episodio al summit dei ministri degli Esteri Ue. Il capo del Governo: “Ma io stavo solo scherzando”. Berlusconi fa le corna nella foto del vertice Ue. Il premier si abbandona al gesto per far divertire un gruppo di boy-scout che assisteva alla scena. (08.02.2002)
Il premier in un’intervista-choc al britannico “The Spectator”. “Se fanno i magistrati è perché sono diversi dagli altri”. Berlusconi: “Fare i giudici è da disturbati mentali” Sulla politica estera: “Imporre la libertà con forza”. “I giornalisti? Mi attaccano perché vorrebbero essere me”. (04.09.2003)
L’inaugurazione ufficiale della sede dell’Authority alimentare. «Ho fatto il playboy per far vincere Parma»
“Troppo rosa il governo di Zapatero”. E Berlusconi indigna la Spagna. Critiche anche dal Psoe. Poi il leader del pdl precisa: «Sono stato frainteso». La ministra di Zapatero: «Berlusconi offensivo e inappropriato sulle donne» La dura replica di Magdalena Alvarez dopo le frasi del Cavaliere sul governo spagnolo «troppo rosa» (16.04.2008)
Nuove battute e gaffe del Cavaliere, intervenuto all’apertura della campagna del candidato sindaco di Monza. Berlusconi: “Non parlo più di donne e i gay sono tutti dall’altra parte” Grillini: “Magari fosse vero! Lavoro perché la sua profezia si avveri”. Luxuria: “Sicuramente quelli di sinistra sono dei coglioni gay…” (06.02.2007)
Il premier, durante una conferenza stampa, scherza sulle voci di una storia tra Veronica Lario e il filosofo. Berlusconi: “Rasmussen più bello di Cacciari. E mia moglie…” (04.10.2002).
La sfida al terrorismo. La posizione dell’Italia. «L’ Occidente è una civiltà superiore» Berlusconi: da noi c’ è rispetto dei diritti, nei Paesi islamici no. Bisogna dare aiuti ai palestinesi. (27.09.2008)
Il premier: «I comunisti nella Cina di Mao bollivano i bambini». Il Cavaliere su Prodi: «E’ solo un poveraccio»
«Scusate il linguaggio rozzo ma efficace… Ero ironico». Berlusconi: «Non credo tanti coglioni….» «Ho troppa stima per l’intelligenza degli italiani per credere che che sceglieranno per il proprio disinteresse». (06.04.2006)
Il leader del Polo scherza con i passeggeri della nave Azzurra. E scatena l’ira delle associazioni dei malati e dei politici. Barzelletta sull’Aids. E’ bufera su Berlusconi Rosy Bindi: “Parole offensive”. Veltroni: “Superato ogni limite”: Un malato di Aids va dal medico e gli chiede: “Dottore cosa posso fare per la mia malattia?” Il medico risponde: “Faccia delle sabbiature”. “Ma dottore, mi faranno veramente bene?”. “Bene no, ma sicuramente si abituerà a stare sotto terra” (04.04.2000). Berlusconi ironico: «Ho fatto la corte al presidente della Finlandia pur di convincerla». «Opposi veto all’Ue, passai per cattivo» (22.06.2005). Berlusconi a Napoli torna ad attaccare la magistratura e le cooperative rosse. «La sinistra la scampa grazie ai giudici». (28.03.2008)

Nessun commento:

Posta un commento