lunedì 19 luglio 2010

Il mondo di oggi è più razionale di quello di ieri?



Riporto la risposta di Rita Levi Montalcini, pubblicata da Repubblica all'inizio dell'anno 2009. Dato che ho avuto occasione di citarla più volte, per averla a portata di mano, la fisso qui.

"Viviamo ancora dominati da bassi impulsi, come cinquantamila anni fa. Perché il nostro cervello ha una componente arcaica e limbica (che ha sede nell'ippocampo) che è aggressiva, emotiva e affettiva ed è quella che ha permesso all'australopiteco di salvarsi, quando è sceso dagli alberi e ha affrontato il mondo. L'altra componente, cognitiva e neocorticale, è molto più recente e corrisponde alla fase dello sviluppo del linguaggio. Purtroppo questa parte non riesce ancora a controllare quella più antica che, anzi, nei momenti estremi (guerre, crisi, carestie) torna dominante. Sono le condizioni ambientali, in definitiva, a metterla in funzione: nei regimi totalitari, per esempio, l'attività del cervello arcaico è al massimo".

Tratto da: www.repubblica.it

1 commento: